Letti imbottiti

La scelta di un rivestimento piuttosto che di un altro è importantissima e va fatta non solo pensando all’estetica ma anche alla praticità d’uso e manutenzione.

Letti imbottiti

A prima vista un letto imbottito dà una sensazione di comodità che letti di altro tipo non sono in grado di trasmettere: infatti, i modelli di questa tipologia, almeno come primo impatto, sembrano capaci di accoglierci in un morbido giaciglio, che ci farà sentire coccolati e dolcemente protetti proprio in virtù dei materiali che li caratterizzano e che, a prescinder dal fatto che si tratti di letti con rivestimento in pelle, piuttosto che in tessuto, risultano sempre e comunque più “soffici” rispetto al legno, al ferro o a qualunque altra innovativa materia plastica.

Letto in tessuto imbottito

In via del tutto generale, da un punto di vista più prettamente stilistico ed estetico, un letto imbottito non è ne specificatamente classico né moderno; così come può trattarsi di letti molto preziosi e di gran lusso, oppure di modelli piuttosto semplici, informali e senza grosse pretese. In commercio esistono davvero tantissimi modelli differenti alcuni più adatti ad atmosfere contemporanee ed altri invece che richiamano le forme d’un tempo; alcuni economici ed altri acquistabili solo a prezzi stratosferici; alcuni dall’aria davvero molto “morbida” ed altri invece leggermente più rigidi. La differenza sta molto anche nel tipo di rivestimento, senza contare che vi sono poi dei modelli rivestiti ma non imbottiti (specie quando si parla di pelle o ancor più frequentemente di cuoio), oppure non completamente imbottiti, può capitare ad esempio che ad una testata imbottita, si accoppi una struttura più rigida rivestita in pelle o cuoio o anche realizzata in legno.

La scelta di un rivestimento piuttosto che di un altro comunque è importantissima e va fatta non solo pensando all’estetica, ma (come accade sempre quando si parla di elementi d’arredo) avendo sempre un occhio di riguardo nel valutare anche la praticità d’uso e manutenzione. Innanzitutto è bene tener presente che la maggioranza dei letti rivestiti in tessuto è sfoderabile (ma attenzione, non tutti!) e dunque può essere facilmente lavato, ma non solo: qualora ci stufassimo del nostro attuale rivestimento potremmo sempre acquistarne, o farne fare, uno nuovo, arrivando persino a rivoluzionare completamente l’aspetto della nostra stanza da letto, semplicemente optando per una tonalità o un tipo di tessuto diversi! La pelle comunque è un materiale che, se di buona qualità, è capace di durare molto a lungo nel tempo, mantenendo inalterato il suo fascino, che può addirittura risultare impreziosito dai segni del tempo causati da un normale utilizzo, certo è che ha bisogno di maggiori cure ed attenzioni rispetto al tessuto o all’ecopelle. Quando si opta per il tessuto, poi, ci si può sbizzarrire con una varietà di filati, di colori e persino di fantasie o di lavorazioni a rilievo che non sono in alcun modo pensabili con nessun altro materiale: attenzione però perché se è vero che non vi sono limiti alla fantasia al contempo è altrettanto vero che nel momento in cui si sceglie una fantasia molto particolare e multicolor, o anche solo una tonalità accesa bisognerà poi optare per tende in coordinato o rigorosamente bianche, così come pure chiare  e sempre neutre dovranno essere le lenzuola, le coperte ed ogni altro elemento da accostare al letto! Se poi ci accingiamo a comprare un letto che vada a sostituirne uno già esistente, da posizionare comunque dove già vi sono altri mobili, elementi e complementi d’arredo bisognerà “farci i conti” e sarà meglio non ma valutare sempre attentamente il contesto.

Letto Agorà - Ditre Italia

A differenza della pelle che d’estate può risultare più calda e lasciare sulla pelle una sensazione di “appiccicaticcio” i tessuti risultano caldi in inverno e freschi in estate, anche se bisogna precisare che è più una questione puramente psicologica perché normalmente, a differenza di quanto avviene quando parliamo dei divani, con tra i vari elementi che compongono la struttura del nostro letto non entriamo mai in diretto contatto, se non attraverso il filtro di lenzuola, guanciali e quant’altro. In via del tutto generale solitamente chi si orienta verso il tessuto ha in mente qualcosa di più informale, allegro e giovane, mentre coloro che optano per la pelle sono alla ricerca di qualcosa di raffinato, sobrio, elegante e di classe; poi ovviamente come in tutte le cose, esistono le debite eccezioni.

Quasi tutti i letti imbottiti poi, essendo spesso caratterizzati dalla presenza di un giroletto piuttosto importante, che solitamente è rivestito del medesimo materiale della testata, sono disponibili anche in versione contenitore, in modo tale da poter recuperare spazio prezioso per riporre biancheria, coperte, piumini e quant’altro. Anzi in questi casi, a meno di non avere una casa enorme, sarebbe sciocco rinunciare a questa possibilità perché, mentre ad esempio nei modelli in legno, caratterizzati dalla presenza di quattro gambe, l’estetica tra la versione con o senza contenitore cambia radicalmente, per i letti imbottiti non vi sono sostanziali differenze visive. L’elemento più caratteristico di questa tipologia di letti resta comunque la testata, che può essere più o meno alta e più o meno imponente, ma alla qualeviene sempre e comunque destinata un’attenzione particolareda parte dei designer d’arredo.

Col-letto Green - Lago

Certo, soprattutto per tutti coloro che amano stare seduti a letto con il proprio computer portatile, a chattare o lavorare, o a quanti amano appisolarsi semistraiati a leggere qualcosa, a guardare la televisione o ancora a rilassarsi ascoltando buona musica, la comodità di una testata imbottita risulterà impagabile rispetto alla rigidità di una in legno o alla freddezza di una realizzata in ferro battuto. Proprio pensando a questa categoria di consumatori e a tutti gli amanti dei letti imbottiti che non sanno resistere al fascino di una buona lettura semisdraiati, in completo relax, Ditre Italia ha creato la soluzione ideale, ovvero il modello Agorà. La particolarità di questo letto sta proprio nella testiera, capace di piegarsi senza alcuno sforzo, con un semplice gesto, in modo tale da fornire un sostegno morbido e confortevole, ma allo stesso tempo solido: si tratta di un vero e proprio appoggio che garantisce un’inclinazione perfetta, appositamente disegnata per tutti coloro ch

e non possono esimersi dal divorare libri e riviste prima di addormentarsi e che in questo modo potranno farlo senza bisogno di dover accatastare cuscini uno sull’altro e senza assumere posizioni sconvenienti che la mattina seguente procurano un terribile torcicollo. L’estetica del letto non risulta affatto compromessa da questa “funzionalità aggiuntiva” anzi lo caratterizza fortemente, donandogli personalità e rendendolo importante: il risultato è quello di un letto elegante, raffinato e sobrio, più o meno appariscente e più o meno moderno a seconda del rivestimento scelto, che sia in pelle piuttosto che in ecopelle o in uno dei molteplici tessuti a disposizione, molto dipende poi anche dalla tonalità (ed eventualmente dalla fantasia) alla quale abbiamo deciso di accordare la nostra preferenza. Un’altra trovata geniale che è possibile abbinare a questo modello di letto, qualora si decida di optare per la versione con contenitore, è quella del sistema “easy up”, che consente di sollevare il piano del letto (piuttosto basso, come d’uso per i modelli dallo stile moderno) per poter cambiare e sistemare la biancheria senza stare chinati e senza alcuno sforzo!

Letto Sponge - Semaflex

L’idea di optare per un letto imbottito è piuttosto comune e di sicuro non suona come una scelta particolarmente audace o fuori dalla norma; in realtà però i letti imbottiti si prestano alla perfezione anche ad incarnare forme sinuose e profili insoliti, particolari e bizzarri, tanto che svariati modelli di design, caratterizzati dalle linee più stravaganti e dalle tonalità più accesesono proprio letti di questo tipo. La stragrande maggioranza dei letti rotondi, infatti, sono imbottiti; ma non solo, sul mercato è possibile trovare anche tante altre idee dal carattere decisamente fuori dal comune, particolarmente indicate per chi è alla ricerca del pezzo d’arredo capace di attirare su di sé ogni attenzione: un esempio tra tutti Col-letto, un vero e proprio letto con il “collo”, creato dal designer Nusa Jelenec e prodotto da Lago (www.lago.it). Si tratta di un letto davvero accogliente e comodo, in cui il materasso è letteralmente cinto da un morbido anello realizzato in “soft foam”, che può assumere molteplici configurazioni, sempre mutevoli, a seconda del momento, dei gusti e delle esigenze: se ci si vuole sentire protetti come in un nido basterà alzare i “colletto”, se invece ci si vuole “aprire” al mondo esterno basterà rimuoverlo completamente oppure arrotolarlo o piegarlo!

Possiamo poi ricordare Sponge, nato da un’idea del designer Danilo Cesana, in cui sia la testiera, che pediera ed i longheroni sono realizzati mediante l’accostamento di diverse fasce imbottite, poste l’una accanto all’altra, ciascuna rivestita per conto proprio, in modo tale che ognuno potrà decidere nella libertà più assoluta l’accostamento di diversi rivestimenti creando insolite ed originali composizioni; oppure anche Sculpture, sempre nato dalla mente del medesimo creativo, dalle linee moderne ed insolite e da una base con volumi in parte scavati ed in parte a rilievo, anch’esso caratterizzato da un alto grado di personalizzazione.

Sara Raggi

Ti è piaciuto l'articolo o hai dei suggerimenti da fare?

comments powered by Disqus